Valorizza il tuo progetto grafico scegliendo la carta giusta per te!

Martina

Come valorizza il tuo progetto grafico?

Ve lo spiego qui sotto

Immagino che a molti di voi sia capitato di entrare in sito un e-commerce di stampa e vedere una lista di tipologie di carta senza capire però quali siano le differenze e senza riuscire a immaginarne le caratteristiche: quanto spessa è? E’ meglio patinata lucida o opaca? Come rende ciò che desidero stampare?

E allora, cerco di affidarmi alle foto presentate sul sito cercando di farmi un’idea, ma per quanto possano essere chiare, è difficile per chi le presenta riuscire a comunicare, ad esempio, la sensazione che la carta trasmette quando la si tocca con le mani.

Un non esperto di tipologie di carta si trova normalmente davanti a queste difficoltà nel capire che carta scegliere sulla base di ciò che immagina come prodotto finale. Il consiglio che posso darvi è avere le idee chiare su quale sia il vostro obiettivo.

Perché dico questo?

Innanzi tutto bisogna creare un progetto grafico che, come dico spesso, “spacca”, cioè colpisce o per la sua eleganza e per la sua dinamicità. Partire già con un progetto chiaro significa evitare problemi nelle fasi successive di stampa, come durante la rilegatura o la spiralatura. Il progetto, unitamente alla scelta di dettagli importanti come la carta, sono fondamentali non soltanto perché comunicano un lavoro ben fatto, ma anche perché parlano di voi, ve lo posso garantire!

Ponetevi quindi delle domande sul prodotto che possano chiarire il vostro obiettivo:

  • Dove andrà pubblicato?
  • Che funzione ha?
  • Quanto costa?
  • Che sensazione vuoi che trasmetta?
  • Quanto deve durare il prodotto che vuoi stampare?

In questo modo potete dare delle informazioni molto importanti all’azienda tipografica che potrà aiutarvi e consigliarvi sulle migliori alternative per raggiungere i vostri obiettivi.

E allora vediamo assieme un po’ di esempi di tipologie di carta possibili:

  • CARTA USO MANO: questa tipologia di carta è utilizzata principalmente per biglietti da visita, carta intestata, prenotazioni, inviti
  • CARTA ADESIVA: utilizzata, ad esempio, per le etichette da vino, per alimenti, oppure quelle industriali. Se volete dare un tocco in più e che colpisca l’occhio potete aggiungerci le varie lavorazioni come il rilievo a secco, la verniciatura serigrafica lucida, lamina a caldo, verniciatura serigrafica alto spessore
  • CARTA PATINATA: utilizzate per cataloghi, brochure, per prodotti commerciali
  • CARTA RICICLATA: usata per stampati editoriali e commerciali con  relazioni annuali. Una tipologia di carta di alta qualità
  • CARTA MARCATA: utilizzata per copertine di libri e apprezzata soprattutto per il disegno in rilievo sulla superficie, quindi sensibile al tatto

Ricordati infine che ogni carta riflette un certa percentuale di luminosità, ovvero di luce che viene riflessa sul foglio. La maggior parte delle carte riflette il 60-90% della luce e in pochi sanno che la luminosità è un fattore importantissimo per il tuo prodotto finale perché può compromettere sia la lettura ma anche la percezione del colore che può apparire distorto rispetto al progetto iniziale. Ciò non significa che è stato compiuto un errore, ma che non si è tenuto conto della luminosità nella scelta della carta.

Scegliere tra tante tipologie di carta non è semplice, per cui il mio suggerimento è di farti consigliare sempre dal tuo stampatore.

Se questo post vi è piaciuto, vi chiedo di…condividerlo!

Grazie e un saluto da Martina 😉

Iscriviti alla Newsletter
Una volta iscritto controlla la tua email. Ah, niente Spam! 🙂

Martina
Martina

Ognuno di noi ha il suo carattere, le sue esperienze, le sue abitudini e c’è chi vuole tenerlo nascosto oppure esprimerlo come farò io! In questo modo vorrei mettere in condivisione i miei pensieri, le mie passioni con voi...un buon modo per confrontarsi e mettersi in discussione...che ne dite? Chi sono? Sono Martina, sono nata a Treviso il 5 gennaio del 1989. Ho iniziato a giocare a basket all’età di 6 anni e fino ad arrivare alla Laurea in Scienze e tecniche della comunicazione grafica a Mestre (ISTITUTO UNIVERSITARIO SALESIANO VENEZIA). Di che cosa mi occupo? Potrei dire che sono un graphic designer ma mi occupo anche di marketing, scrivo articoli per il blog per l’azienda in cui lavoro e mi interfaccio con le persone che incontro nel web. Sono dell’idea che non voglio insegnare nulla a nessuno ma esprimere le mie esperienze e condividerle e magari anche imparare sempre qualcosa in più!